Dr Carlo Mancini | Biologo Nutrisionita | Master in Dietologia e Nutrizione Clinica
  • +39 3389812403
  •  info[@]nutrizionealimentazione.com

Articoli e News

Il seme racchiude in sé i migliori nutrienti, come vitamine, minerali, proteine, oli essenziali ed enzimi.

Con la parola seme* si identifica una grande varietà di alimenti ricchi di sostanze nutritive, di diverso tipo, forma e colore, estremamente benefici per il nostro organismo. Il seme racchiude in sé i migliori nutrienti, come vitamine, minerali, proteine, oli essenziali ed enzimi.

Ecco un elenco di semi che la natura ci fornisce: pinolo, lino, chia, nocciola, noce, pistacchio, canapa, girasole, zucca, mandorla, sesamo, cartamo, cotone, papavero, arachide (tostata ma non salata), psillio, amaranto, quinoa, tamarindo, anguria. Per alcuni di questi si parla anche di semi olesoi, ovvero in grado di fornire olio, ma tuttavia se consumati come semi piuttosto che prodotto fornisco un più alto valore nutrizionale.

Costituisce una buona abitudine consumare una porzione di semi (circa 20 g) ogni giorno dato il loro alto valore nutrizionale e i molteplici benefici, utilizzandoli nello yogurt, durante gli snack, etc. al posto di integratori che sono sicuramente ben più costosi. 

Essi contengono:

  • LIPIDI POLINSATURI: omega 3, precursori di EPA e DHA, omega 6. 
  • MINERALI (magnesio e zinco in particolare)
  • PROTEINE con alto valore biologico, con particolare riferimento ad un amminoacido, l'ARGININA, essenziale per assicurare una buona funzione del sistema cardiocirolatorio, un controllo della pressione arteriosa, una prevenzione di aterosclerosi, una buona funzione  dei neuroni cerebrali e del sistema genitale.
  • VITAMINE idrosolubili e liposolubili (A, E, K, in piccola parte D)
  • RIDOTTA DOSE di CARBOIDRATI
  • BUONA DOSE FIBRA IDROSOLUBILE 
  • PRESENZA di MODULATORI GENICI (molecole capaci di agire sul DNA cellulare).

NOCI

pasted-image-small-20.pngLe noci hanno il più alto contenuto in omega-3, che nell’organismo producono le frazioni omega-3 EPA e DHA, essenziali per ridurre il rischio di patologie cardiovascolari. Le noci possono sostituire il pesce in chi non introduce questo alimento, per assumere la giusta dose giornaliera di omega 3 . E’ consigliato un consumo di 2-3 noci al giorno. Le noci hanno il più alto potere anti ossidante (Unità ORAC). Le noci contengono un aminoacido valido ed importante: l’arginina!.

MANDORLE

pasted-image-small-small-22.pngPossono essere consumate come semi, come latte oppure come olio. Contengono dosi generose di proteine, magnesio, omega-3, vitamina E, vitamina B2, rame, manganese, ed elevata di fibra alimentare. Si riconoscono grandi virtù all’olio di mandorla, che combatte la pelle secca e le smagliature, nutre i capelli aridi e secchi e previene le ragadi al capezzolo durante l'allattamento.

 

NOCCIOLE

pasted-image-small-small-24.png​Si distinguono dagli altri semi oleosi per il ricco contenuto di vitamine B1, A, C ed E. Sono un'ottima fonte di fitosteroli, sostanze ritenute importanti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Le nocciole possiedono un netto potere anti ossidante.

 

 

PISTACCHI

pasted-image-small-26.pngOttimo valore anti ossidante, alcalinizzante e notevoli quantità di vitamina B6 e rame. Buona dose di aminoacidi ramificati, utili nell’attività motoria e sportiva.

 

 

 

ARACHIDI 

pasted-image-small-small-30.pngSi tratta in realtà di un legume, ma da sempre considerato un seme oleoso: contiene un’ottima dose di proteine con aminoacidi attivi sul tono dell’umore come fenilalanina e triptofano, vitamina E, B3 (niacina), manganese, magnesio. Ottimo è anche il contenuto in fibra con prevalente frazione insolubile.

 

 

SESAMO

pasted-image-small-32.pngUn seme dall’elevato potere anti-ossidante, con interessanti quantità di magnesio, calcio, ferro, fosforo, manganese, zinco e moltissimo rame ed omega-3. Si presta molto come ingrediente aggiuntivo in pane, prodotti da forno, yogurt…

 

 

 

PINOLI

pasted-image-small-34.pngSono i semi più ricchi proteine, contengono la più alta dose di arginina, aminoacido fondamentale per una efficiente attività neuronale, sessuale, per la produzione di ossido nitrico protettivo del sistema vascolare, buona dose di omega-3, vitamina B1, magnesio, fosforo, rame e manganese.

 

 

 

SEMI GIRASOLE

pasted-image-small-36.pngÈ il seme indicato per chi fa attività motoria e sportiva poiché è il più ricco in magnesio e tra i più ricchi in proteine con il più alto contenuto in aminoacidi ramificati: il girasole è indicato 
più come seme che come olio di girasole.  I semi di girasole sono ottimi nel muesli al mattino o come ingrediente aggiuntivo del pane o altri prodotto da forno, oppure in insalate. Ha una buona dose di omega-3 ed omega-6, vitamine B1 e B6, fosforo, manganese, rame, selenio.

 

SEMI ZUCCA

pasted-image-small-38.pngSono i semi con la migliore azione alcalinizzante; possiedono un’ottima azione anti ossidante e sono i semi con la più alta dose di carboidrati. Contengono ferro, fosforo, magnesio, manganese, rame.

 

 

 

SEMI LINO

pasted-image-small-40.pngSono i semi con la dose più alta di omega-3, contengono interessanti dosi di fosforo, magnesio, manganese e rame. Devono essere tritati prima di essere ingeriti per ottenere una migliore liberazione dei suoi principi attivi, altrimenti interi potrebbero essere espulsi praticamente intatti, quindi inutili. Il lino va utilizzato più come olio che come seme integrale. L’olio di semi di lino, invece, per essere efficace deve essere spremuto con tecniche particolari e conservato in frigo (al buio e al freddo) per evitare irrancidimento e degradazione che lo rendono inutile e produttore di radicali liberi, dunque difficile da trovare di buona qualità.

 

SEMI CHIA

pasted-image-small-44.pngSono semi ricchi in carboidrati non glicemici, fibra alimentare idrosolubile, tra i più ricchi in acidi grassi polinsaturi e ricchi di minerali come fosforo, zinco, manganese, rame, calcio.

 

 

 

 

 

 

* Spesso per alcuni di questi semi si utilizza il termine "frutta secca", ed erronemanete si è soliti raggruppare ad esempio le noci, le mandorle e le nocciole con i fichi secchi e l'uvetta; in realtà la frutta secca è ottenuta dai frutti essiccati: fichi secchi, datteri, albicocche, uva, papaya…

Dove ricevo

  •  Via Mattia Battistini 44
  •  Via di Tor Sapienza 7
  •  Via Romanello da Forlì 17
  •  Via Tiberina 173